Un nuovo inizio…Il Viaggio

Sai quando pensi, mio Dio, ho voglia di fare qualcosa di nuovo nella mia vita pero non sai da dove iniziare?

Beh diciamo che sempre inizio dal Viaggio, la miglior opzione.

A quel tempo lavoravo nella biglietteria di Air Europa, una nota compagnia aerea spagnola ed avevo notevoli vantaggi nell’avere biglietti a basso costo intercontinentali: nessuno poteva accompagnarmi e chiaramente aveva il mio stesso vantaggio, cosi decisi di intraprendere IL Primo Viaggio fuori dal continente Europeo.

L’idea mi spaventava a morte ma allo stesso tempo mi eccitava la “pazzia” e il mettermi alla prova uscendo dalla mia aerea di comfort chiamata Europa.

Mi auto bombardavo di domande e creavo nella mia testa miliardi di possibili eventi catastrofici, del tipo, “se prendo in dengue?” “ma se qualcuno mi ruba il passaporto?” o peggio ancora, se mi mettono della droga nella mia valigia…una serie interminabile…

Psicológicamente parlando, e in maniera molto semplice, le paranoie sembra che nascono dal fatto che non “rispettiamo” dei modelli di vita, stile di vita che ci sono stati trasmessi, spesso incosciamente dalla nostra familia .

Il fatto di allontanarci dai modelli stabiliti ci fa terribilmente paura…l’ Incognito!

Tornando al viaggio, mi feci influenzare dalla mia ex supervisora, cubana, che con il suo meraviglioso parlare della sua terra, mi ammalio.. (e continuo ad essere ammaliata)avevo l’idea di un paradiso incantato, e l’idea di essere fuori totalmente dai canoni moderni di societa capitalista mi attraeva ancora di piu.

Incuriosita, e sapendo che era un paese molto sicuro, dovuto soprattutto al fatto di essere sotto una dittatura, decisi..”MA SI…CE LA POSSO FARE in fin dei conti si sarebbe trattato soltanto di una vacanza di 8 giorni..

Cominciai a fare una lista di cose utili per il viaggio, tipiche, assicurazione medica, medicine, quanti soldi portarsi e soprattutto iniziai a costruire il mio viaggio.

In realta, come prima volta da sola, riuscii a organizzare gli alloggi e gli spostamenti, molto in stile “turista”, ovvero niente di improvvisazione: per una principiante come me sarebbe stato uno stress tremendo ingestibile.

Una cosa molto importante da tener in considerazione e`lo spirito di adattamento: mi informai, piu o meno come era la realta del luogo a cui andavo incontro, il tipo di persone con cui potevo avere a che fare e mi immaginai proiettata in quell’ambiente.

Certo finche non ci sei, non puoi saperlo.. pensai che sarebbe stato come sognare ad occhi aperti, trasformare un sogno in realta..

SAI CHE…preparai il tutto e mi lanciai.. una voce interna mi spinse a dare il passo..

i giorni volarono e….PRONTAAA PER LA PARTENZA..

…ancora ignara di cosa sarebbe successo dopo….IN POSITIVO

dav

19 pensieri su “Un nuovo inizio…Il Viaggio

  1. Anna

    E vaiiii, ora chi ti ferma piu’. Hai ragione, fran larte della gente non viaggia, si muove, perché viaggiare significa andare verso qls che non conosci. Ed è la cosa piu bella che esista.

  2. mxp2000

    La novita’ a volte, anzi spessissimo, fa paura, ma quella che porta con sé il viaggio e’ “inspiring”. E’ una delle poche novita’ che affronto con piacere e di cui non posso fare a meno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: