Chi sono io? Un viaggio verso l’interiore

Fino a qualche anno fa non mi sarei mai posta la domanda chi sono io, ero troppo indaffarata a sostenere mille cose degli altri, a dare appoggio ma senza curarmi troppo di me stessa, dei miei interessi, delle mie necessità e soprattutto della mia felicità.

Quando parlo di felicità, non voglio dire che non lo fossi stata, ma sicuramente era una felicità passeggera, effimera: passava mi faceva assaporare il suo profumo, la sua energia ammaliante ma per poi svanire come per magia.  Mi lasciava con una sensazione di volerla afferrare per tenerla sempre con me. Rimanevo con questa perenne voglia di riacchiapparla: la cercavo in ogni angolo, in ogni persona, appariva e poi scompariva di nuovo.

L’entusiasmo c’è sempre stato e facilmente si può lavorare su quello (leggi qui se vuoi saperne di più), ma la felicità è un’altra cosa.

Una constante ricerca, ed io, come una persona in astinenza,  mi rendevo conto di volerla sempre di più e in quantità sempre piu grandi.

Continua a leggere →