Irlanda,San Patrizio, pronti per viverlo?

Irlanda, San Patrizio, pronti per viverlo a pieno?

San Patrizio

La festa di San Patrizio, in irlandese chiamata  St. Paddy’s day o, St. Patrick’s day in inglese, e’ la festa di origine cristiana  e commemora  l’arrivo del  cristianesimo in Irlanda durante il periodo in cui Patrizio era vescovo.

E’ grande festa il 17 di Marzo tanto in Irlanda come in molti altri paesi del mondo: principalmente nei paesi in cui e’ stata significativa l’immigrazione irlandese ma si celebra anche  un po’ in tutti i paesi europei, ormai di moda. (se avete voglia di leggere altre tradizioni irlandesi vi suggerisco di leggere https://inviaggioconlafelicita.com/natale-terra-che-vai-usanze-che-trovi/)

Nel giorno di San patrizio, ci vestiamo di verde, colore dell’Irlanda e del mitico trifoglio altrettanto símbolo della verde  terra.  Si indossano qualsiasi tipo di accessorio verde (come ferma capelli, collane, braccialetti..)  ma anche cappelli di grande misura che  ricordano il cappello del mitico  personaggio irlandese “ leprechaun”.

 

San Patrizio

SAN PATRIZIO E LA TRADIZIONE IRLANDESE

 

Il Leprechaun e’ un folletto irlandese che  fa parte del mondo fatato e che, secondo la tradizione, abitavano l’isola prima dell’arrivo dei celti.

Sono spesso raffigurati come uomini anziani a cui piace fare scherzi, sono creature innocue e schive: spesso vengono dipinti come gnomi che vivono nella campagna sperduta in solitudine e sono dediti, per passatempo, alla costruzione delle scarpe per se stessi e per le fate.

San Patrizio Leprechaun

Secondo la tradizione, sono gnometti pieni di soldi e che nascondono tesori seppelliti durante le guerre: sembra che, se catturati, e ben interrogati, possono rivelare  il nascondiglio… ma sempre secondo la tradizione.

Gli stessi irlandesi, quando vedono un arcobaleno dicono che alla base si nasconde il tesoro di uno di loro, come per dire che  i tesori non si troveranno mai.

SAN PATRIZIO E GLI IRLANDESI

 

L’irlanda per me e’ magia, e’ natura e’ festa e’ un po’ un viaggio nel mondo dei Celti: la gente mantiene un po’ la sua natura ribelle “ vichinga” se si vuol dire, temeraria, scherzosa, di cuore grande, calorosa, istintiva.

Dopo aver fatto questa premessa un po’ storica e sulla tradizione, devo dire che  dire che di cristiano, devoto e religioso c’e’ ben poco in questa festa.

Nel giorno di San Patrizio in Irlanda, si parla di divertimento, delirio allo stato puro. La domanda in irlandese típica e’ “what’s the craic?” che riassume un po’ tutto cio’ che e’ inerente al divertimento, ovvero, qual’e il divertimento,  dove e’(nel senso dove andiamo a divertirci) , che si fa…e’ una domanda che si fa sempre in Irlanda ma a maggior ragione il 17 marzo.

 

 PREPARATEVI AL DELIRIO DI SAN PATRIZIO

 

In questo giorno l’alcohol va via come fiumi: si comincia a festeggiare la sera prima andando nei pub, gremiti dai turisti e dagli stessi irlandesi.

Nei pub si cantano canzoni tradizionali irlandesi, se gia’ si sa qualcuna, meglio, per essere piu’ uniti nel gruppo.

Se soffrite di ansia o di claustrofobia, non e’ proprio l’ideale: consiglio mio e’ rimanere nella strada, ad esempio a temple bar oppure andare in  pub grandi come il  break for the border https://www.breakfortheborder.com/ oppure il temple  bar https://www.thetemplebarpub.com/

Lo stesso 17 in una delle vie principali, si svolge la famosa  “sfilata” ovvero un defile’ di gente in maschera, tipo carnevale per festeggiare l’evento. La zona e’ transennata e ci sono le gradinate per poter assistere al passaggio dei carri in maschera, con musica e Balli.

 

San Patrizio Dublino

San Patrizio a Dublino

Divertimento e’ assicurato pero’, ripeto, molto affollato di gente.

RIVER DANCE E LA BALDORIA

 

Per chi vuole invece vedere il famoso “ ballo ilrandese” chiamato “ river dance” ci sono pub dove si puo’ vedere. Non c’e’ un costo aggiuntivo ma solo con il consumare qualcosa si ha diritto a vederlo.

Il mio pub preferito, che avevo dietro casa, e’ l’arlington dove la domenica sera guardavamo lo spettacolo e, perche’ no, dopo un paio di birre mi lanciavo anch’io in un imporovvisato ballo, saltellato.. nel mio caso sembrava piu’ che ballassi una tarantella pero il concetto principale era BALDORIA.

Tornando a San Patrizio, La parola chiave  per un irlandese e’ darlo tutto ed ubriacarmi fino allo sfinimento. Detto questo potete immaginare gli zombie  per la strada.

SAN PATRIZIO E GLI EFFETTI COLLATERALI

 

Ho passato ben due Paddy’s day a Dublino e devo dire che al giorno dopo sembrava di essere in un film tipo “ il ritorno dei morti viventi” e non esagero ve lo giuro.

In quei giorni di pazzia, le strade diventano un po’ i bagni pubblici per molti e l’odore di pipi e’ abbastanza forte in alcuni punti.

Potete immaginare, gia’ quando bevi una birra vai in bagno mille volte figuriamoci se uno beve 9/10 pinte.

Fatta presente la parte negativa,  si respira la gioia di stare insieme il celebrare l’amicizia, l’Irlanda e tutta la sua magia.

IRLANDA E GLI IRLANDESI

Se decidete di andare a visitare Dublino, in linea generale posso dirvi che la gente non e’ il massimo dell’aperto in condizioni normali, ovvero senza essere la festa di San Patrizio. Essendo la capitale  nei giorni lavorativi, la gente va normalmente molto di corsa, abbastanza stressata, mentre il fine settimana si rilassa andando nei pub.

Totalmente diversa e’ la situazione se andate a visitare i paesini vicini a Dublino o meglio ancora altre citta’ irlandesi.

Io ad esempio mi innamorai di Galway. Il vero paradiso Irlandese con le sue chiese celtiche, le scogliere a picco sul mare ma un freddo glaciale a marzo.

Irlanda

Aran Island

Ecco li’ la gente e’ decisamente  piu’ espansiva, piace stare a contatto anche con il turista per farsi due chiacchere. Certo dovete tenere in considerazione che capire un irlandese non e’ il massimo del facile.

GLI IRLANDESI E IL LORO INGLESE

 

Se non capite nulla quando parla, e’ piu’ che normale tranquilli: non fatevi paranoie del tipo “non so l’inglese” oppure “ in tutti questi anni che studio inglese non ho imparato un cavolo” perche’ non e’ cosi’. Lo dico perche’ io mi feci molte paranoie e inutili,all’inizio, mi si abbasso’ l’autostima: avevo incluso paura ad esprimermi con loro per poi paura di non essere capita o di non capirli.

Non mi vergogno a dirvi che spesso facevo quei sorrisini facendo si con la testa ma che in realta’ non avevo capito un cavolo, con la mia bellissima espressione da punto interrogativo stampato in faccia.

Il bello degli irlandesi e’ che sanno che il loro accento e’ molto difficile da capire e quindi loro stessi lo dicono e non hanno nessun problema nel ripetere le cose.

.. se poi ci mettiamo il fattore alcohol, il loro accento diventa anche piu’ incomprensibile…

Tutto questo chiaramente se si parla di tempo libero, se dovete lavorare con irlandesi e magari, non capite il vostro capo e’ ben diversa la cosa (lo dico per esperienza).

CLIMA IRLANDESE

 

Una componente a cui dovrete far fronte a Dublino e a tutta l’Irlanda e’ il clima.

La pioggia la caratterizza, come gia’ sapete, e dovrete uscire sempre con un ombrello.. ma non l’ombrellino da borsa perche’ con il forte che vento che spesso c’e ve lo vola in un nano secondo.

Non e’ il massimo della comodita’ ma dovrete comprarvi uno grande, meglio fatto a cupola, per evitare che il vento lo faccia capolvegere…certo e’ che se andate in giro durante San Patrizio con l’ombrello grande potrebbe essere un arma per la molta gente che c’e’.

Anche se non e’ il massimo del fashion, in questo caso, piu’ utile un impermeabile per evitare l’ingombro in mano.

L’AMORE PER L’IRLANDA

 

Irlanda

Aran Island

A livello emotivo, Il mio rapporto con l’Irlanda e’ di amore e odio perche’ adoro le sue scogliere a picco, i suoi verdi prati, la gente, ma il clima e’ qualcosa di insostenibile  per me, io che amo il sole e il mare. Dopo due anni nel regno fatato, decisi di cambiare paese poiche’ il clima comincio’ a influire negativamente  sulla mia forma di vita. Fu una scelta difficile ma il constante cambio climatico giornaliero era diventato difficile da sostenere.

In un giorno si puo’ vedere tutte le stagioni:Inverno con la grandine o neve, pioggia e vento autunnale e il sole e il caldo primaverile.

ABITUDINI IRLANDESI E LE PRIME RIFLESSIONI

 

San Patrizio, Irlanda

St. Stephen’s green, Dublino

 

Per me stare in Irlanda e’ come se fosse stato un ritorno alle mie origini, alla mia terra un rincontro con me stessa, come se gia’ avessi vissuto in passato nel regno fatato.

A Dublino, cominciai a voler e poter fare quello che volevo, vivendo il presente, seguendo l’energia della gente locale. Una cosa che mi colpi’ molto e  che mi fece capire che potevo fare quello che volevo fu il vedere come la gente andava vestita per strada.

Ad Esempio il fine settimana: le ragazze, per uscire la sera, nonostrante le temperature glaciali, indossano sandali aperti e vestiti estivi; gli uomini d’altro canto vanno in maglietta a manica corta, per mostrare  la sua natura forte un po’ “vichinga” .

Il primo impatto fu  forte, e iniziai a giudicare e a criticare le diverse abitudini che hanno. In seguito arrivarono le riflessioni e le domande, tipo, c’e’ di male qualcosa in tutto questo?C’ e’ una verita’ assoluta a cui tutti si devono attenere? Beh la risposta e’ no.

Nessuna verita’ assoluta bensi’ una realta’ individuale, valori individuali cui una persona cerca di rispettare per il suo benessere mentale e fisico.

VALORI E PRINCIPI

 

In questo caso parlo di valori, che son ben diversi dai principi: parliamo di valori quando facciamo riferimento ai nostri ideali, ovvero la base della nostra natura che non ha avuto condizionamenti dalla societa’ in cui viviamo e dalla realta’  in cui siamo cresciuti.

Non e’ facile capire quello che realmente siamo e quello che la nostra/o “bambino interno” vuole per stare in pace con se stesso: nel mio caso mi sento piena e libera quando le cose seguono un ritmo, tipo il corso di un fiume, ossia  fluiscono senza forzature.

Se inizio invece a pensare la maggior parte delle cose non vengono bene, ovvero il pensiero e la mente non si collegano alla mia parte piu’ profonda e ai miei valori.

IRLANDA, SAN PATRIZIO E LA MAGIA DELLA VITA

Tornando a San Patrizio, all’Irlanda e alla vita di tutti i giorni , posso solo suggerirvi di vivere a pieno le vostre emozioni, gioia, tristezza, paura, dolore, rabbia, vitalita’e lasciare che le cose succedano: non mettete freno alle vostre  emozioni lasciate che emergano,  non giudicatele, godetevi il momento, il caos, l’ordine, la musica, il ballo, e date sempre il meglio di voi.

Non solo l’Irlanda e’ fatata e magica ma anche la vostra vita  lo e’  ed e’ única.

Buon San Patrizio!!

San Patrizio, Irlanda

28 pensieri su “Irlanda,San Patrizio, pronti per viverlo?

  1. Giovy Malfiori

    Personalmente non amo festeggiare questa ricorrenza se non mi trovo in Irlanda però adoro pensare a ciò che significa per gli irlandesi. Hai mai seguito il St.Patrick’s Trail? Per me è stato un itinerario di viaggio irlandese perfetto.

    1. Silvia

      Ti capisco ed anche a me fa un po’ strano festeggiarlo qui pero’ mi piace stare vicino con il pensiero a loro. Non lo conosco il St. Patrick’s trail, lo guardero’..e’ un po’ che non torno in Irlanda..potrebbe essere un’idea!

  2. Rivogliolabarbie

    Ho festeggiato San Patrizio in Belgio durante il mio Erasmus con alcuni amici irlandesi. Inutile dire che mi sono divertita da morire e posso solo immaginare come possa essere vivere questa giornata in Irlanda!

  3. Serena Proietti Colonna

    Non credevo che avesse un significato di questo tipo la festa di San Patrizio. Molto bello! Spero di poter vivere anche io un giorno lo spirito di questa ricorrenza e proprio a Dublino. La festeggio sempre perché sono una festaiola, ma viverla in loco deve essere molto divertente.

  4. robisceri

    Non sono mai stata in Irlanda, purtroppo. È da tempo che desidero andarci ma sto rimandando da troppo. Le festività, però, non mi attraggono molto, soprattutto se diventano di moda (persino a Roma si festeggia). Considera che non amo bere nè i pub, per cui ti ho detto tutto 😂

  5. Federica

    Non ho mai festeggiato San Patrizio e non sono mai stata in Irlanda..
    Ma mi piacerebbe visitarla.. tempo fa pensavamo di fare un tour irlandese che purtroppo non è poi andato a buon fine e abbiamo lasciato perdere..
    Grazie per avermi illuminata su questa festa 🙂
    Chissà magari domani festeggerò anchio 😉

  6. Veronica

    Sono stata a Dublino qualche anno fa e mi era piaciuta molto! Visitarla in occasione del giorno di San Patrizio però dev’essere davvero divertente!

  7. Daniela - The DAZ box

    Il giorno di San Patrizio ormai si festeggia ovunque anche in Italia! Persino il bar vicino casa mia organizza una serata a tema. La cosa mi sembra un pochino strana, sarò sincere. Mi piacerebbe vivere questa giornata in Irlanda, e festeggiarla come si deve!

  8. Margherita

    Condivido le tue riflessioni su Dublino, anche io ci ho vissuto per un anno e la porterò sempre nel cuore. In effetti però il clima alla lunga iniziava a destabilizzare anche me. Ma è sicuramente una città meravigliosa e che ricordo con tantissimo affetto.

  9. Alessia

    Non ho mai festeggiato San Patrick in Irlanda… MA Stefano é in fissa per questa festa e in più occasioni mi ha proposto di andare in Irlanda per questa ricorrenza.. Chissà che prima o poi lo accontenti! 🙂 ciao ciccia! Un bacio

  10. Raf

    Vivo in Costa del Sol e di irlandesi emigrati che festeggiano San Patrizio ce ne sono un po’ troppi. Fatta eccezione per le degenerazioni, sarei curiosa di vivere questa festa sul posto e respirarne l’autenticità.

  11. Giulia

    Io sono stata in Irlanda ormai 10 anni fa, è giunto il momento di tornarci! Mi piacerebbe tantissimo vedere Dublino a San Patrizio, deve essere un’esperienza unica. Sull’inglese, il loro accento non lo trovo particolarmente ostico, a volte per me è più difficile da capire quello statunitense! E dire che lavoro per un’azienda americana con 80% colleghi dagli USA ahah

  12. Valeria

    Quest’anno sarei dovuta andare a Dublino in occasione della festa di San Patrizio, ma purtroppo è saltato tutto :'( sembra molto bello e divertente, spero di recuperare l’anno prossimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: