Argentina in inverno e l’Amicizia

 

Argentina
Il calore argentino

In questa giornata  fredda barcellonese, oggi voglio offrire un caldo raggio di sole  parlando di andare in Argentina  in inverno e della meravigliosa amicizia che ho trovato laggiu.

Sappiamo che l’Argentina è un paese enorme ed impossibile vederla in poco tempo.

Oggi ti racconto una piccola avventura pazza.

Sono stata due volte in Argentina, una a novembre 2017 e una a Gennaio di tre anni fa: partenza da Barcellona via Madrid con arrivo a Buenos Aires con Air Europa.

ARGENTINA: PRIMA VOLTA IN SUDAMERICA

Mi aveva sempre attirato molto l’attenzione la sua gente, la natura, in generale il Sudamerica .

Nel momento meno atteso si presenta l’occasione di andare: conosco un gruppo di ragazze in un precedente viaggio a Cuba, dove improvvisamente si crea una connessione tremenda fin da subito tanto che mi invitano ad andare  a visitarle.

ARRIVO A BUENOS AIRES
Argentina in inverno, Buenos Aires
Mafalda

A Gennaio, il caldo che trovate a Buenos Aires è qualcosa di incredibile e soffocante, essendo piena estate: piu’ o meno si trova una temperatura all’incirca di 38 gradi di giorno e, visitare la città nell’ora di punta è più o meno impossibile.

L’aeroporto è abbastanza lontano dal centro, più o meno una quarantina di minuti in bus: “Tienda Leon” si chiama l’azienda di trasporto e piuttosto economico, parliamo di un 12 euro circa.

 

Argentina in inverno Buenos Aires
Caminito

Buenos Aires è immensa e minimo 5 giorni ci vogliono per visitarla. Una città così europea, direi un poco un mix di Parigi e Madrid. Io per avere un idea generale decido di prendere  il bus turistico e, come la validità del biglietto è di 24 ore il primo giorno decido di non scendere e captare le parti che più mi interessano.

Visito Caminito, Puerto Madero, La Boca, Recoleta e il centro con alcuni musei..

Continua a leggere →

Un nuovo inizio…Il Viaggio

Sai quando pensi, mio Dio, ho voglia di fare qualcosa di nuovo nella mia vita pero non sai da dove iniziare?

Beh diciamo che sempre inizio dal Viaggio, la miglior opzione.

A quel tempo lavoravo nella biglietteria di Air Europa, una nota compagnia aerea spagnola ed avevo notevoli vantaggi nell’avere biglietti a basso costo intercontinentali: nessuno poteva accompagnarmi e chiaramente aveva il mio stesso vantaggio, cosi decisi di intraprendere IL Primo Viaggio fuori dal continente Europeo.

L’idea mi spaventava a morte ma allo stesso tempo mi eccitava la “pazzia” e il mettermi alla prova uscendo dalla mia aerea di comfort chiamata Europa.

Mi auto bombardavo di domande e creavo nella mia testa miliardi di possibili eventi catastrofici, del tipo, “se prendo in dengue?” “ma se qualcuno mi ruba il passaporto?” o peggio ancora, se mi mettono della droga nella mia valigia…una serie interminabile…

Psicológicamente parlando, e in maniera molto semplice, le paranoie sembra che nascono dal fatto che non “rispettiamo” dei modelli di vita, stile di vita che ci sono stati trasmessi, spesso incosciamente dalla nostra familia .

Il fatto di allontanarci dai modelli stabiliti ci fa terribilmente paura…l’ Incognito!

Continua a leggere →